apicoltura Ballari Giacomo

Miele di Tiglio  -  Miele Italiano dall'APICOLTURA BALLARI

IL MIELE DI TIGLIO

Il miele di tiglio deriva soprattutto dalle due specie spontanee Tilia cordata e Tiila platyphyllos diffuse nelle aree pedemontane e lungo i fiumi, e da altre specie ornamentali coltivate in giardini, parchi e viali.
E' di colore ambrato chiaro o meglio giallo con riflessi verdognoli nel miele liquido, da bianco a crema quando cristallizzato. E' presentato quasi sempre allo stato solido anche se cristallizza lentamente formando spesso cristalli grossolani.
Miele di tiglio della valle del Po
Il profumo è intenso, mentolato, ma anche canforato, resinoso, farmaceutico e in parte ricorda il profumo della tisana di fiori di tiglio.
Il sapore è piacevolmente dolce, fresco, talvolta amaro a fine bocca. L'aroma è fresco, mentolato, molto persistente, talvolta addirittura stucchevole per i mieli in purezza. I mieli di montagna dove compare il tiglio, aggiungono alla loro naturale delicatezza il sapore fresco del tiglio che così in miscela appare molto più fine e piacevole anche al cucchiaio.

Miele di Tiglio: Zone di produzione
E' produzione tipica dell'arco alpino ed in Piemonte si possono ottenere raccolti in purezza in diverse località prealpine. I mieli di tiglio più puri provengono generalmente dall'Ossola o dalle vallate novaresi. Discrete produzioni si ottengono attorno a Pinerolo dove però talvolta il miele è miscelato con il castagno.
Pur essendo presente ai piedi di tutte le vallate alpine, nelle altre località difficilmente dà raccolti in purezza per la contemporanea fioritura del castagno. Sporadiche e limitate produzioni possono essere realizzate più in quota al di sopra della fascia del castagno.
E' da segnalare che la specie è in forte espansione soprattutto nei fondovalle alpini lungo i fiumi dove non viene più praticato il disboscamento.
La presenza del tiglio, pianta molto ricercata dalle api è di ostacolo alla produzione di miele di castagno in purezza. Un particolare di questa pianta è la forte alternanza produttiva (produce un anno sì, uno no). Trascurabili invece le produzioni di miele sulle specie arboree coltivate.

Miele di Tiglio. Proprietà e utilizzo nella dieta e in cucina
E' un miele molto caratteristico, con un unico picco aromatico, intenso e marcato. Il miele di tiglio in purezza non si presta a mio avviso al consumo al cucchiaio perché può essere facilmente stucchevole, ma la sua caratteristica di freschezza ne fa il prodotto ideale per addolcire una tisana, un tè, una camomilla, una bevanda calda dove il sapore mentolato può aggiungere aromi e fragranze in più.
Amo immaginarlo anche associato ad un dolce al cioccolato dove con la sua freschezza conferisce un tocco interessante.
Ho assaggiato dei cioccolatini ripieni di miele di tiglio...se non li conoscete provate a sognarli!!

Disponibile dopo metà agosto.